“Mandate grida di gioia al Signore….Entrate nelle sue porte con ringraziamento, nei suoi cortili con lode; celebratelo, benedite il suo nome” (Salmo 100:1,4)

“Signore, oggi non mi sento di gioire, sto attraversando la valle del lamento perché: ho l’ansia nell’anima e l’affanno nel cuore tutto il giorno; i miei piedi vacillano sempre; mi mancano diverse cose; ho attorno a me tanti problemi, difficoltà e avversità; ho tanta paura e sono debole; nel mio cuore c’è dolore e tormento; ho peccato contro il Signore; non sono sazio ed ho sete; perché gli altri prosperano? Sto chiedendo al Signore questo e quest’altro, e sono in ansia!; sono indaffarato, per glorificare il mio Dio faccio diversi sacrifici; c’è buio attorno a me, c’è tempesta, ci sono nuvole”. Ora, rispondi con prepotenza alle tue giustificazioni in questo modo seguendo l’ordine:
1) “…io confido nella tua bontà; il mio cuore gioirà; il mio cuore gioirà per la tua salvezza; io canterò al Signore perché m’ha fatto del bene”; “Getta sul Signore il tuo affanno, ed egli ti sosterrà” (Sl 13:5; 55:22);
2) “Egli rende i miei piedi simili a quelli delle cerve, mi rende saldo sulle mie alture”; “Ma io confido in te, o Signore; io ho detto: Tu sei il mio Dio!” (Sl 18:33; 31:14);
3) “Il Signore è il mio pastore: nulla mi manca” (Sl 23:1);
4) “I miei occhi sono sempre rivolti al Signore”; “Tu sei il mio rifiugio, tu mi proteggerai nelle avversità, tu mi circonderai di canti di liberazione” (Sl 25:15; 32:7);
5) “Il Signore è la mia luce e la mia salvezza; di chi temerò? Il Signore è il baluardo della mia vita; di chi avrò paura? …. Sii forte, il tuo cuore si rinfranchi; sì, spera nel Signore” (Sl 27: 1, 14);
6) “Tu hai mutato il mio dolore in danza; hai sciolto il mio cilicio e mi hai rivestito di gioia” (Sl 30:11);
7) “Davanti a te ho ammesso il mio peccato, non ho taciuto la mia iniquità. Ho detto: “Confesserò le mie trasgressioni al Signore”, e tu hai perdonato l’iniquità del mio peccato” (Sl 33:5);
8) “…i figli degli uomini cercano rifugio all’ombra delle tue ali, si saziano dell’abbondanza della tua casa e tu li disseti al torrente delle tue delizie. Poiché in te è la fonte della vita” (Sl 36: 7, 8, 9);
9) “Stà in silenzio davanti al Signore, e aspettalo; non adirarti per chi prospera nelle sue imprese”; “Trova la tua gioia nel Signore” (Sl 37: 7, 4);
10) “Come sacrificio offri a Dio il ringraziamento…. Chi mi offre come sacrificio il ringraziamento, mi glorifica”; “Sacrificio gradito a Dio è uno spirito afflitto” (Sl 50: 14, 23; 51:17);
11) “per la tua luce noi vediamo la luce”; “Il Signore cammina nell’uragano e nella tempesta, e le nuvole sono la polvere dei suoi piedi” (Sl 36:9; Naum 1:3)

Quindi, se non ti senti oggi di gioire, non ti sentirai di farlo neanche domani. Il tuo Dio dov’è? Dov’è la fede che Dio ti ha donato? Per quanto tempo starai sempre curvo e abbattuto, andando in giro, e nella tua comunità, triste per tutto il giorno?
“In lui certo si rallegrerà il nostro cuore”; “Io benedirò il Signore in ogni tempo; la sua lode sarà sempre nella mia bocca”; “Gioiscano e si rallegrino in te quelli che ti cercano; quelli che amano la tua salvezza dicano sempre: Il Signore è grande!….il Signore ha cura di me”; “Il mio cuore è ben disposto, o Dio, saldo è il mio cuore; io canterò e salmeggerò” ( Sl 33:21; 34:1; 40:16, 17; 57:7). Che questi versi ti possano accompagnare giorno per giorno, la legge di Dio, la Sua parola è sempre nel tuo cuore, perciò non vacillerai e rimarrai saldo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *