L’incredulità non altera i fatti!

“Il re stava seduto nel suo palazzo d’inverno, era il nono mese, e il braciere ardeva davanti a lui. Appena Ieudi leggeva tre o quattro colonne, il re le tagliava con il temperino da scriba e le gettava nel fuoco del braciere, finché tutto il rotolo fu consumato dal fuoco del braciere.” (Geremia 36:22-23) Il

Non mischiamo la lana con la seta!

“Nella mia prima difesa nessuno si è trovato al mio fianco, ma TUTTI MI HANNO ABBANDONATO; ciò non venga loro imputato! IL SIGNORE PERÒ mi ha assistito e mi ha reso forte…”(2 Timoteo 4:16-17) “Nun ammiscamme ‘a lana c’ ‘a seta” è un proverbio napoletano ed è un invito a non confondere le cose, anche

Dio ti vede!

  “Allora Agar diede al Signore, che le aveva parlato, il nome di Atta-El-Roi, perché disse: «Ho io, proprio qui, veduto andarsene colui che MI HA VISTA?»” (Genesi 16:13) Per questioni di incredulità e presunzione, Agar era stata “tecnicamente” cacciata da Sarai, moglie di Abramo. La moglie di Abramo la chiamò “SERVA”; Agar fuggirà da

LA PARTE PIÚ DIFFICILE DELLA FEDE!

Quand’ero piccolo, mio padre mi insegnò una delle migliori lezioni sulla fede che io abbia mai appreso: “Figliolo, la parte più difficile della fede è sempre l’ultima mezz’ora. Quando senti di arrenderti; quando senti che la tua vita stia uscendo fuori strada; quando non riesci più a sentire la voce di Dio, devi solo resistere,

UNA DONNA CHE SALVO’ UN POPOLO… ESTER

Dissilusi ed amareggiati, spesso si viene dai giovani e dai novelli convertiti, si sperava guardando le apparenze di umilta’ e sottomissione, ma soprattutto perche’ non li si guardava nel profondo, discernendo lo spirito ribelle che in loro albergava, che vedeva in noi solo dei religiosi, ma il Signore ci avverte dal continuo, “semplici come colombe

TU SARAI LIBERO

Turkela era un giovane cristiano russo, rinchiuso in un campo di concentramento a motivo della sua fede. Condivideva la cella con Ivan, colpevole di vari delitti. Fin dall’infanzia, Ivan non aveva incontrato altro che ingiustizie, odio ed emarginazione, e aveva commesso infrazioni. Ma ora eccolo con qualcuno in cui poteva trovare amore, calore, speranza. Poco

E tu, come la vedi?

“Passando vide un uomo, che era cieco fin dalla nascita. I suoi discepoli lo interrogarono, dicendo: «Maestro, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?» Gesù rispose: «Né lui ha peccato, né i suoi genitori; ma è così, affinché le opere di Dio siano manifestate in lui.” (Giovanni 9:1-3) La cecità

LA BIBBIA, UN TESORO! (Geremia 23:18; 15:16)

Un venditore ambulante di libri cristiani aveva venduto una Bibbia in un paesino Polacco. Tre armi dopo, passando ancora in quel paese, ebbe la gioia di trovarvi non meno di duecento persone che, solo leggendo la Bib­bia, avevano trovato in Gesù il loro Salvatore. Poiché possedevano un solo esemplare del prezioso volume, essi avevano avuto

STORIA DI UN FALCO…

Un grande re ricevette in omaggio due pulcini di falco e si… affrettò a consegnarli al Maestro di Falconeria perché li addestrasse. Dopo qualche mese, il maestro comunicò al re che uno dei due falchi era perfettamente addestrato. “E l’altro?” chiese il re. “Mi dispiace, sire, ma l’altro falco si comporta stranamente; forse è stato

“Io ho pazientemente aspettato l’Eterno.” (Salmo 40:1)

Mi rendo sempre più conto che ci sono momenti nella vita di una persona nei quali nessuno sforzo può trasformare le circostanze avverse e nessun aiuto umano può essere un valido soccorso. Allora l’unica risorsa rimane affidare ogni cosa a Dio e aspettare il Suo intervento, senza abbandonarci a un’ansia incontrollabile. Non pensare che si

“MAESTRO, NON T’IMPORTA CHE NOI MORIAMO”?

“Maestro, non t’importa che noi moriamo”? (Marco 14:38).   La barca dei discepoli è nella tempesta. Nonostante siano dei pescatori professionisti, rischiano di morire: il mare è molto agitato e la barca è ingovernabile. Ed allora pongono a Gesù questa domanda: “Maestro, non t’importa che noi moriamo”? Non è questa la domanda che noi facciamo,

Umiliamoci!

Se non ci umiliamo, potrebbe decidere di farlo Dio; ed allora saranno guai, perché lo farà pubblicamente! “Dodici mesi dopo, mentre passeggiava sul terrazzo del palazzo reale di Babilonia, il re disse: «Non è questa la grande Babilonia che io ho costruita come residenza reale con la forza della mia potenza e per la gloria

Mi chiamano: PETTEGOLEZZO e sono L’Amico di nessuno!

Il mio nome è: Pettegolezzo. Non ho alcun rispetto per la giustizia. Io strazio le persone senza ucciderle. Io spezzo il cuore e rovino la vita. Sono furbo e malizioso e col passare degli anni divento più forte. Più racconto e più vengo creduto. Fiorisco all’interno di ogni classe sociale, ma preferisco “lavorare” all’interno dei

Esteriormente attenti!

“Poi, da Caiafa, condussero Gesù nel pretorio. Era mattina, ed essi non entrarono nel pretorio per non contaminarsi e poter così mangiare la Pasqua.” (Giovanni 18:28) Dopo un’udienza durata fino a tarda notte davanti a Caifa, sommo sacerdote, i religiosi portarono Gesù verso la “Sala del Giudizio”. Nella città di Gerusalemme, il pretorio era il

Non sopravvalutare il nemico!

“Quando Gedeone arrivò, un uomo stava raccontando un sogno a un suo compagno e gli diceva: «Ho fatto un sogno. C’era un pane tondo, d’orzo, che rotolava nell’accampamento di Madian, giungeva alla tenda, la investiva, in modo da farla cadere, da rovesciarla, da lasciarla per terra». Il suo compagno gli rispose e gli disse: «Questo

” Imparate da me che sono umile e mansueto di cuore, e riceverete riposo alle anime vostre”.

Non sempre è facile accettare di essere criticati. A volte basta una battuta scherzosa per farci andare su tutte le furie. Chi ci sta accanto ci dice allora: ma non ti si può dire proprio niente, te la prendi subito! La suscettibilità è un atteggiamento che a volte può diventare seccante per gli altri, ma

AVVISO SACRO È MORTA LA SORELLA RIUNIONE DI PREGHIERA

Comunichiamo a tutta la fratellanza che si è spenta di la Cara Sorella Riunione di Preghiera. La sua morte è avvenuta nella Chiesa Negligente Mondana. Nata molti anni fa, era una dei membri più influenti e importanti della famiglia della chiesa. Negli ultimi anni, la Sorella Riunione di Preghiera stava peggiorando nella salute, fino a

L’ARTE DEL LAMENTARSI

Ci lamentiamo sempre e di più di tutto e di tutti: famiglia, casa lavoro, chiesa… L’uomo trascorre la propria vita ragionando sul passato, lamentandosi del presente, tremando per il futuro. Nel 1911 il famoso predicatore inglese J. Stuart Holden, decise, a causa dei problemi di salute di sua moglie, di non andare più in America

2017: “TU MI HAI CINTO DI FORZA PER LA GUERRA” (Salmo 18:39)

La missionaria Elisabeth Elliot lavorando con la tribù indiana che aveva ucciso suo marito, scrisse che: “La pace si fonda sull’accettazione, non sulla rassegnazione”. In questo nuovo anno, Dio vuole cingerti di forza per la guerra. Sei in guerra contro il peccato, ma in questo nuovo anno impegnati a lottare anche contro la rassegnazione. “La

TESTIMONIANZA DAL CARCERE (Riceviamo e pubblichiamo la Testimonianza del fratello Durante Teodolindo ex detenuto con il suo permesso)

Sono cresciuto senza padre ultimo di 6 figli con una madre abbandonata da suo marito che emigro’ in Francia. Una vita di stenti per la strada fin da piccolissimo nonostante mia madre fece di tutto per farmi frequentare la scuola dell’obbligo. A 11 anni lascia la scuola dopo aver minacciato il professore di matematica. Iniziai